• Il decreto legge “Sostegni-bis” porta nuove disposizioni conl’obiettivo di affrontare laripartenza.

    Purtroppo, ancora una volta, sembra manchi un impulso forte sulla irrisolta questione lavoro.

    Nell’attesa di vedere come le disposizioni attuative ne permetteranno l’applicazione, sintetizziamo i provvedimenti che avranno maggiore impatto sulle piccole aziende.

     

Business People Talking

Contributi a fondo perduto

Nuovi criteri di erogabilità

Contributo automatico: una replica automatica del contributo percepito ai sensi del DL 41/2021;

Contributo alternativo: calcolato con arco temporale diverso. Ovvero calo del 30% da verificare su confronto Apr/20 > Mar21 con Apr/19 > Mar20;

Contributo a conguaglio: non calcolato sul fatturato ma sul peggioramento del risultato economico 2020 rispetto al 2019;

Credito d’imposta per i canoni di locazione

Prorogato al 31 luglio per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, con calo del fatturato del 50% nel mese di riferimento del 2021 rispetto al 2019.

Esteso agli esercenti attività d’imprese, arte o professione, enti non commerciali, del Terzo Settore e religiosi per un importo pari al 60% del canone mensile di locazione, leasing o della concessione d’immobili.

Credito d’imposta per sanificazione e acquisto di dispositivi di protezione

Corrisponde al 30% delle spese sostenute per la sanificazione dei locali e l’acquisto dei DPI nel periodo giugno-agosto 2021, nel limite max di 60mila Euro.

Proroga dei versamenti AdR

Sospesi i termini di pagamento fino al 30 giugno. La sospensione riguardale verifiche, le somme ed i pignoramenti per debiti dovuti all’Agente della Riscossione. Non è prevista alcuna dilazione, per cui al termine della moratoria si dovrà provvedere al versamento in unica soluzione o valutare una dilazione.

faq
skillset

Indennità e sostegno all’occupazione

Introdotto una particolare veriante dell’ammortizzatore sociale, previo accordo collettivo aziendale.

Sarà possibile ottenere un periodo di riduzione dell’attività lavorativa dei lavoratori non superiore a 26 settimane da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, con la finalità del mantenimento dei livelli occupazionali nelle fasi di ripresa.

Ai lavoratori sarà riconosciuto il 70% della retribuzione persa.

CIG e divieto di licenziamento

I datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1 luglio 2021 sospendono o riducono l’attività e presentano domanda di integrazione salariale ordinaria o straordinaria, sono esonerati dal pagamento del contributo addizionale. In conseguenza di tale trattamento, fino al 31 dicembre 2021 è vietato ai datori di lavoro effettuare licenziamenti.

Contratto di Rioccupazione

Il decreto Sostegni-bis introduce il Contratto di rioccupazione, destinato ai disoccupati con DID. La finalità della misura è l’occupazione e riqualificazione delle competenze del lavoratore. Si tratta di uno sgravio della contribuzione Inps, della durata di 6 mesi.

La nuova misura sembra poco appetibile in quanto riguarda esclusivamente le assunzioni intervenute tra luglio e settembre e si pone come alternativa ad altre agevolazioni più vantaggiose.

 
Chiedi una consulenza per la tua azienda

Contattaci adesso